Agopuntura e terapia del dolore

Questo testo è estratto dal nostro video-corso Ecm Fad Lenire il dolore è buona sanità, ha come scopo quello di informare e permette di approfondire tematiche legate al corso.

Estratto della lezione del dott.Paolo AMORI. 

L'argomento di cui ci andiamo ad occupare e quello dell'agopuntura come strumento per laterapia del dolore. In primo luogo ci focalizziamo su alcuni concetti che riguardano in generale l'agopuntura. L'agopuntura è uno strumento terapeutico che fa parte della medicina tradizionale cinese.

Cosa è la medicine tradizionale cinese? 

La medicina tradizionale cinese è una medicina sviluppatasi nel corso di svariati millenni che prevede dei paradigmi, degli epistemi, dei sistemi di interpretazione della fisiologia e della patologia molto diversi da quelli della medicina moderna, della medicina accademica cui noi siamo abituati. Per comprendere meglio quello che sarà il successivo svolgimento della nostra conversazione di oggi, vorrei puntare l'attenzione solo su alcuni concetti di medicina tradizionale cinese. La medicina cinese si basa, per quello che riguarda la sistematica terapeutica che si fa attraverso l'agopuntura, su riconoscimento di determinati percorsi, su quelli che vengono chiamati meridianie collateraliin cinese ‘Jing luo’.

Questi meridiani sono dei tragitti che si sviluppano sull'intera superficie corporea e, secondo i concetti della medicina tradizionale cinese, in questi tragitti circolano il C e il sangue. Il C è un qualcosa di difficile traduzione, può essere immaginato come una sorta di energia vitale dell'organismo, e anche il sangue non corrisponde esattamente al concetto di sangue tessuto come lo concepiamo nella medicina moderna. Con questi due termini si identifica ciò che è l’energia che sta alla base dei processi biologicie dei processi vitali. Questi meridiani collegano fra loro varie parti del corpo, l'alto con il basso, l'esterno con l'interno nell'ambito di una concezione dinamica dell'organismo, espressa con il dualismo dello Yin e dello Yang, l’uno esiste in quanto esiste l'altro e nell'insieme formano un equilibrio dinamico, quello che oggi nella medicina moderna viene definito allostasi.

Yin e Yang

I meridiani sono raggruppati a coppie e si distinguono in 12 meridiani regolari. I meridiani regolari sono quelli su cui sono dislocati i punti dell'agopuntura, ai meridiani regolari che arrivano partono i 4 arti meridiani Yang per arrivare alla testa; i meridiani Yin invece arrivano al torace. Al di là dei meridiani regolari esistono 8 meridiani straordinari o basi curiosi QI JING BA MAI. Di questi meridiani, solamente due sono provvisti di punti. Si tratta di tragitti privi di un sistema di agopunti,  i due meridiani si sviluppano praticamente lungo la linea alba fino al vertex e dal vertex fino alla base del coccige, grosso modo.

L'insieme degli agopunti descritti dalla medicina tradizionale cinese si trova su questi due meridiani e sui dodici meridiani regolari. Attraverso l'identificazione degli agopunti, possiamo andare a praticare le nostre terapie medianteinfissione dell’ago negli agopunti, per poi scegliere in base alla diagnostica e alla differenziazione dei quadri morbosi, seguendo così il processo epistemico proprio della medicina tradizionale cinese.

Come praticare l'agopuntura 

Per praticare correttamente una terapia di agopuntura èindispensabile conoscere le basi teoriche che ci consentono di formulare una diagnosi e conoscere bene l'anatomiadei meridiani degli agopunti, la profondità in cui si trovano gli agopunti. Esistono, però, oltre a questo tipo di agopuntura, che classicamente si chiama agopuntura somatica, altre tecniche che si basano sull'identificazione di cosiddetti microsistemi. Un microsistema, ad esempio, si trova sul padiglione auricolare, un altro microsistema si trova sul cuoio capelluto, un altro ancora sulla superficie addominale e infine il microsistema della pianta del piede, che però non viene usato in agopuntura, ma su cui si pratica la riflessologia.

Agopuntura addominale

Per microsistema s’intende una certa zona dell'organismo che presenta l’ologramma dell'intero organismo umano. Il sistema però che mi interessa sottoporre alla vostra attenzione è quello su cui si basa l'agopuntura addominale. Negli ultimi anni è stato rivalutato un particolare approccio all'agopuntura, che si basa sull'identificazione di un ologramma presente sull'addome intorno alla zona ombelicale, ologramma che vedete qui rappresentato e che assomiglia vagamente a una tartaruga con la testa situata a livello dell'apofisi ensiforme dello sterno e la coda situata verso la sinfisi pubica. Questa rappresentazione consente di portare l'effetto terapeutico dell’ago dell'agopuntura su tutto il distretto corporeo agendo anche su vari piani di profondità.

Perché oltre all’ologramma della tartaruga che è sullo strato cutaneo superficiale più profondamente esiste, un'altra rappresentazione, che sia Baguayo Bagua, sarebbe un ottagono diviso in vari spicchi; ogni spicchio dell'ottagono corrisponde a un organo interno secondo la concezione della medicina tradizionale cinese. In termini di medicina moderna, la definirei corrispondenza fra la zona dell'ottagono che noi andiamo a pungere una funzione dell'organismo. L’agopuntura addominale quindi si basa su un sistema di meridiane congenite che si sviluppa sulla superficie intorno all'ombelico congenito che è presente già nel feto.

Come si pratica l'agopuntura addominale? 

Intanto differentemente dalla pratica dell'agopuntura somatica, l’agopuntura addominale si basa su un livello abbastanza semplice, sull’identificazione della patologia in base ai criteri di medicina moderna, medicina accademicae poi sulla conoscenza di protocolli precisi che vanno applicati in base al tipo di patologia. Ci sono dei punti di rete che vanno usati per poter ricostruire la mappa della tartaruga come schema di base e questo consente l'identificazione di una serie di agopunti che sono quelli schematizzati su questa figura. L'uso degli agopunti dipenderà dal tipo di patologia che noi ci accingiamo a trattare. Quando portiamo una patologia, andiamo a regolare la profondità di infissione dell’ago, sugli agopunti che erano illustrati nella diapositiva precedente, avremmo una profondità di puntura superficiale che ci consente di agire sui punti che si trovano sulla mappa della tartaruga. Una profondità media di infissione dell’ago ci consente di agire sugli agopunti propriamente detti del sistema dei meridiani regolari e del meridiano straordinario jammai, poi abbiamo una profondità maggiore di infissione dell’ago, che ci consente di agire sulla mappa dei Bagua, ovvero sulle funzioni dei vari organi ed apparati. Ogni strato di infissione a sua volta è suddiviso in tre sottolivelli per cui io posso pungere ad esempio a livello medio ma meglio superficiale, medio medio o medio profondo e in base ad infissione determinerò un effetto particolare in base alla diagnosi che è stata posta di patologia al paziente che accingo a trattare.   Per cui con questa tecnica di agopuntura non è indispensabile avere una formazione specifica e una buona conoscenza delle teorie che sono alla base della medicina tradizionale cinese e, soprattutto, non è indispensabile conoscere bene l'ubicazione del sistema di regole di tutti gli appunti che vengono comunemente usati nella agopuntura classica, in quanto esiste l'agopuntura somatica.

Per approfondire il tema è disponibile il video corso FAD di BBC da 50 crediti ECM, per Tutte le Professioni Sanitarie "Lenire il dolore è buona sanità", per info è sufficiente cliccare qui

Se invece si è interessati alla versione short da 5 crediti ECM, cliccare qui